30-01-2018

“La scuola uccide la creatività?” La passione ci aiuta a crescere

Educare alla creatività significa educare alla vita (E. Fromm)



La creatività si associa ai bambini e a determinati lavori che richiedono un pensiero fuori dagli schemi. Ma è possibile educare anche gli studenti più grandi e pensare a una scuola che ispiri la creatività?

Tra tante definizioni (che analizzeremo più avanti) possiamo pensare alla creatività come la soluzione di un problema o un bisogno attraverso idee e processi nuovi e differenti da tutti quelli proposti. Una rielaborazione delle informazioni di base per donargli una funzione nuova e originale.

Leggi anche – Festival della Didattica Digitale 2018: Culture Partecipative

Che cos’è la creatività?

Creatività

Lo spirito creativo è il desiderio di innovare, di esplorare nuovi percorsi, di realizzare sogni. 

Esso anima tutto il modo di essere, a prescindere da chi si è, esso può entrare nella vita di chiunque, è alla portata di chiunque si senta spinto a provare a migliorare le cose, di chiunque voglia esplorare nuove possibilità, lasciandosi alle spalle una situazione migliore.

Goleman, Ray, & Kaufman, Lo spirito creativo, 1999

Leggi anche 5 cose che Jenkins ci ha insegnato sulla didattica

La creatività nasce in una situazione di incertezza e cambiamento, in cui è indispensabile l’adattamento all’ambiente, e richiede la costruzione di nuovi significati.

Grazie ad alcuni studi sappiamo che i cardini della creatività sono quattro: 4 punti della creatività: la capacità di fornire molte risposte (Fluency), non scontate (Originality), traendo spunto da elementi diversi (Flexibility), e fornendo un buon grado di dettaglio (Elaboration).

Aggiungendo a queste 4 il momento del Insight, che riorganizza il pensiero, e può portare alla soluzione di un problema.

La preparazione mentale conduce al momento di “illuminazione” che conduce alla sperimentazione, alla soluzione o alla rielaborazione.

Creatività

La creatività è nemica della staticità. 

La creatività nasce in ambienti dinamici, o dalla volontà di muovere un ambiente statico. L’approccio è sempre pragmatico: la lettura dell’ambiente porta a tentativi ed errori che conducono a finalità pratiche e operative.

Sia la Gestalt che Kant distinguono due momenti: pensiero/immaginazione riproduttivo e pensiero/immaginazione produttivo.

Il primo è il riproporsi meccanico di procedure ormai acquisite, mentre il secondo è capace di creare soluzioni originali attraverso la ricombinazione degli elementi – o intuizioni, secondo Kant – creando nuove strutture mentali.

Leggi anche Competenze e gioco: al bando la noia

La creatività non si oppone alla logica

Un’idea comune ci dice che la logica si oppone alla creatività.

Numeri e arte non saranno un connubio perfetto, ma in alcune discipline, come la scienza e la tecnologia, questi due elementi si aiutano l’un l’altro.

Marilyn di Andy Warhol (1967) Creatività

Possiamo trovare un esempio di creatività nel famoso quadro Marilyn di Andy Warhol (1967). Una serie di 10 serigrafie che ritraggono la famosa attrice. Tutte perfettamente quadrate raffigurano la donna in un primo piano, come tante prima di allora, con la sostanziale differenza dei colori.

L’artista della pop art ha preso un’immagine già usata per dargli una lettura creativa nuova, ideando una delle opere artistiche più famose al mondo.

Per approfondire: Nuovo e Utile, Il Pensiero Creativo: teorie, metodi e tecniche applicate ai contesti educativi

La scuola uccide la creatività?

La creatività è il processo che porta a idee originali di valore.

Vi proponiamo l’intervento al TED Talk di Sir Ken Robinson che propone la domanda: la scuola uccide la creatività?

Un inno alla scoperta del proprio talento, della passione, quella che ci guida e che ci aiuta a crescere.

Il difficile compito di un insegnante è educare un bambino verso un futuro di cui ancora non sappiamo nulla, un futuro ancora incerto.

La creatività è tanto importante quanto l’alfabetizzazione, e dovremmo trattarli allo stesso modo.

I bambini si adattano alla creatività perché si buttano, se non sanno qualcosa ci provano comunque, non hanno paura di sbagliare. Se non sei preparato a sbagliare, non ti verrà mai in mente qualcosa di originale — una competenza che perdiamo diventando adulti

Scopri questo e molto di più al Festival della Didattica Digitale, dal 21 al 24 febbraio a Lucca.